Istallazione artistica ai giardini Indro Montanelli

Lo street artist Pao,conosciuto per il suo lavoro nel panorama dell’arte di strada, ha concepito una nuova installazione artistica presso i Giardini Indro Montanelli di Milano. Si tratta di due fiori pensanti e una coccinella adagiati sul prato realizzati dall’artista in occasione della mostra mercato Orticola , importante vetrina,  per il vivaismo di ricerca nazionale e internazionale che si svolgerà dal 17 al 19 maggio prossimo.

Un’installazione artistica denominata “i fiori pensanti” che mette in primo piano il contesto urbano in cui l’opera è collocata, ovvero il parco. L’artista con questa sua installazione invita a far riposare la propria mente e a ritrovare la quiete in una location splendida ed unica come quella dei giardini Indro Montanelli, parco di Milano situato nella zona di Porta Venezia.

Pao si diverte a re-interpretare il contesto urbano in modo creativo e giocoso tanto che  le sue opere più importanti sono davvero particolari.  Si parte dai pali della luce trasformati  in margherite, dai bagni pubblici che diventano lattine Campbell,  dai pinguini dipinti sui paracarri, dai dissuasori della sosta trasformati in delfini e infine alla realizzazione di panettoni colorati. L’artista a partire dal 2007 si dedica anche alla  pittura su tela, Pao è un artista poliedrico, i suoi lavori creano e suscitano sempre curiosità in colui o colei che li guarda.

Dopo la mostra mercato Orticola, il Comune di Milano provvederà a trovare una collocazione definitiva alle  maxi sculture dell’artista Pao donate dal Gruppo Ceresio alla città milanese. Quindi consiglio di recarsi nel parco e ammirare le sue maxi sculture magari sostando per qualche attimo  sulle panchine dei giardini Indro Montanelli… buona primavera e buona quiete!

dbc.

Precedente Emilio Isgrò: i 35 libri dei Promossi Sposi “cancellati” Aperture straordinarie: Pasquetta, 25 aprile e 1º maggio, Castello Gamba di Châtillon, Aosta Successivo A Barolo dal 20 aprile arriva “Gauguin e il Diario di Noa Noa” 21 xilografie, bronzi, documenti, fotografie, libri, per una mostra colta e raffinata